Un computer ha, ovviamente, bisogno di fare delle operazioni con i suoi bit, in modo da giungere ai risultati che noi ci aspettiamo... 

Le operazioni con i bit prendono il nome di ALGEBRA BOOLEANA (dal nome del suo ideatore: George BOOLE [1815-1864] uno con due ATTRIBUTI DI BRONZO, lasciatemelo dire... ) 

Cominciamo dalla prima operazione: la NEGAZIONE (NOT
Essa semplicemente INVERTE il valore del bit: quindi NOT 1 = 0 e NOT 0=1 
Se ci pensate è abbastanza semplice: se NON E' 1.... NON PUO' ESSERE ALTRO CHE 0... non vi pare ?? 

Per definire un'operazione booleana, si utilizza la tavola di verità , cioè una semplice tabella in cui si mettono i risultati dell'operazione, cosa semplice da fare, poichè ci sono solo 4 combinazioni possibili... 
Visto che abbiamo parlato di verità , è bene specificare che 1 = VERO e 0 = FALSO 

Ora vediamo l'OR ("OPPURE"): 
L'operazione OR è VERA se ALMENO UNO dei termini è VERO, se preferite si può anche dire che l'operazione OR viene 1 se almeno uno dei termini è 1 

La tavola di verità è ora semplice da definire... 
OR 0 = 0 
OR 1 = 1 
OR 0 = 1 
OR 1 = 1 

In maniera del tutto analoga abbiamo l'operazione AND ("E", nel senso di congiunzione) 

L'operazione AND è VERA se TUTTI i termini sono VERI, se preferite si può anche dire che l'operazione AND viene 1 se TUTTI i termini sono 1 
La tavola di verità è ancora molto semplice: 
AND 0 = 0 
AND 1 = 0 
AND 0 = 0 
AND 1 = 1 

Anche nell'algebra booleana valgono le parentesi, che indicano di fare prima l'operazione in esse contenuta, altrimenti l'ordine in cui si fanno le operazioni è 1°) NOT, 2°) AND, 3°) OR 

Un piccolo esempio: 

1 AND 0 OR 1 AND 1 OR 0 

prima si fanno gli AND, quindi viene: 

OR 1 OR 0 = 1 

Se invece avessi scritto 

(1 AND 0) OR 1 AND (1 OR 0) 

Prima dovrei fare le parentesi, quindi: 

OR 1 AND 0 

Poi gli AND... 

OR 0 = 0